La penna di Marilù - Marina De Mattia -Scrivere di Natura

Scrivere di Natura
Marina De Mattia
Vai ai contenuti

La penna di Marilù

La penna di Marilù
Uno spazio dove navigare tra curiosità e aneddoti sul mio "scrivere" di Natura.
Appunti, brevi commenti, un po' di me, considerazioni e un pizzico di allegria.
Buona visione e buon divertimento!
Indice degli appunti della penna di Marilù

Il dubbio
È incredibile quanti dubbi possano venire in mente mentre si scrive e io certo non sono immune.
Comincio a scrivere di getto e poi, quando riguardo il testo, mi vengono i dubbi...  
Il raptus
Improvviso, irrefrenabile impulso di scrivere che, naturalmente, prende nei momenti meno opportuni:
la mattina quando mi devo preparare per andare in ufficio e quindi ho una gran fretta; la sera tardissimo che dovrei cercare di addormentarmi o in tutti quei rari, piccoli momenti in cui smetto forzatamente di correre, come ad esempio sui mezzi pubblici.
Caratteristica che accomuna tutti questi bei momenti creativi? Semplice, non ho qualcosa per scrivere!
Una volta, ero così disperata che sono riuscita a prendere un appunto scrivendo microscopico sul retro del mio biglietto dell'autobus...

Lascia e riprendi

Non c'è niente di peggio che lasciare e riprendere continuamente uno scritto. Purtroppo, non potendolo fare come professione, mi ritrovo a dover sempre incastrare questa mia grande passione tra gli impegni lavorativi e di famiglia.
Risultato: rischio di perdere il filo...

Favole e peperoni
Un altro grosso inconveniente quando si scrive "a incastro" come spesso faccio io, è quello di rischiare di far guai in cucina...
Già già... se si scrive al computer mentre si prepara la cena, magari approfittando dei momenti in cui bolle l'acqua, si è appena versata la verdura ecc. può succedere ad esempio di far attaccare i peperoni.
Sento ancora il profumo...
        La lotta col pc
Il computer, tantissime possibilità e programmi straordinari per dare
spazio alla creatività, è diventato uno
strumento ormai indispensabile.
"ma perchè scrivi ancora sulla carta, poi devi copiartelo... scrivi direttamente sul pc, guadagni tempo!" .
'Tempo', la parola magica che riesce a convincere anche coloro che come me non ne hanno quanto vorrebbero.
Accendo il pc e prima che si apra, si fa in tempo a prendersi un caffè; poi inizia la lotta:
Appaiono spesso strani messaggi scritti in i'nformatichese' che gettano nel panico i non addetti ai lavori e propongono domande con due opzioni di risposta e se non rispondi ti bloccano il pc e non puoi andare avanti. Già, ma prima bisognerebbe capire cosa ti hanno chiesto...
Comunque, in qualche modo e magari con l'aiuto di chi è più esperto, riesci a superare l'ostacolo e ti metti al lavoro.
Bellissimo, sei in pieno raptus creativo e completi la tua opera o almeno la pagina ma, può succedere che, Non appena hai finito di scrivere (mai prima!..), e vuoi salvarlo, ecco che, improvvisamente, senza un motivo apparente, tutto si ferma, la pagina si vela e appare lui, l'odiato messaggio:
"Il programma ... non risponde"
e così finisci per perdere tutto il lavoro fatto che non hai ancora salvato e il prezioso "tempo".

Spesa "leggera"
Quando vado a fare la spesa, ho la fortuna di passare su un ponte che attraversa un corso d'acqua cittadino.
Come tutti, vado sempre di corsa, ma non posso fare a meno di fermarmi un momento e osservare un po' di Natura urbana.
Guardando i germani o i gabbiani che fanno il bagno o che cercano tranquillamente il cibo in quelle acque, anche il mio ritmo per un attimo "rallenta", ritrovo un po' di serenità e...
anche le borse della spesa sembra che pesino meno!
 
La mia Musa
La mia grande Musa è la Natura.
Mi basta anche guardare dalla finestra il torrente che passa vicino casa o i più piccoli angoli di Natura urbana.
Grazie di cuore.


L'idea scomparsa
Ho provato, hanno provato a regalarmi block notes, quaderni e post-it, ma non c'è niente da fare...
I raptus vengono sempre quando non c'è niente per scrivere, specialmente la mattina presto quando mi sveglio e parto così alla ricerca di un foglio e una penna...
Risultato: nove volte su dieci l'Idea svanisce nel percorso!

La casa del nonno
L'ispirazione per un racconto può venire in qualunque momento.
Per "La luce col cappello" ad esempio, mentre ero in viaggio in autostrada, ho visto una piccola casa di campagna tutta gialla:
"la casa del nonno!"

Il gatto di Marilù
Mi è stato chiesto se ho uno studio dove scrivo.
Da qualche tempo ho una scrivania con un computer dove elaboro le mie opere.
Il posto che preferisco per scrivere però, resta sempre il divano, dove mi rifugio acciambellata come un gatto.


Super Marilù
Niente ferma la Penna di Marilù! neppure un braccio rotto.
Non c'è problema, con calma, magari rallentando la scrittura, si improvvisa mancina, ma porta a termine il suo lavoro:
Vai, super Marilù!
  
Chi è Marilù?

A questo punto, credo che molti di voi si saranno chiesti : "ma chi è Marilù?"
Ho pensato di rigirarvi la domanda:
"Secondo voi, chi è Marilù?"


Lettrice aspirapolvere
Mi piace scrivere ma adoro anche leggere.
Attualmente, per ragioni di spazio, ho dovuto optare per una libreria on line di e-book.
A volte però capita che non riesca a resistere e compro qualche libro.
E' come se "mi chiamassero" dagli scaffali. Capita anche a voi?
L'ultima volta mi è successo anche durante un viaggio, nell'autogrill di una autostrada.
Non ho saputo resistere...
Inutile dire che alla fine del viaggio avevo già finito di leggerlo!




            video
              Marilù
Protagonista della mia collana di filastrocche.
E' colorata, curiosa e guida i bimbi nel suo mondo alla scoperta della Natura, ma chi è Marilù?                
Secondo voi?
Ora, con il video, avete qualche indizio in più.
Aspetto le vostre risposte...



         Ci vuole un vigile!
Già, proprio così.
Quando mi viene l'idea per scrivere una fiaba o un racconto, la mente è più veloce della penna. Troppo veloce.
Le diverse parti del racconto si intrecciano, si sovrappongono cercando la giusta collocazione. Aiuto1
Ci vuole uno STOP. Mi devo fermare un momento e cercare di organizza-
-re il lavoro.


          Il capo e la coda
Non so se è così per tutti ma, quando penso a una nuova storia e comincio a scrivere non vado proprio in ordine...
Scrivo sempre di getto, l'inizio e il finale, poi, con un po' più di calma, metto in ordine tutto ciò che c'è in mezzo.

     L'ora della buona notte...
Notte, è ora di andare a dormire ma, ecco che arriva lei:
l'idea, la frase, quella giusta, che devo mettere assolutamente nel racconto che sto scrivendo; da scrivere subito se no la perdo.
Comincio a scrivere e, come per magia, da una frase ne arriva un'altra, un'altra ancora ed ecco qua.: il sonno se ne va.
Buona notte!
Torna ai contenuti